Quali sono le diverse tipologie di piastra per waffle?

Credi che tutte le piastre per waffle siano uguali e offrano le stesse prestazioni? Continua a leggere, e scoprirai in realtà che sul mercato puoi trovane diverse tipologie, tutte con prestazioni e risultati diversi.

Tipologie e differenze

In genere, prima di scegliere la tua nuova piastra, devi capire quale tipo di waffle vuoi realizzare. Ce ne sono ben due versioni, ovvero quelli quadrati e quelli tondi.

I waffle quadrati sono quelli per eccellenza, nella loro versione classica, che risulta gonfia e soffice, con delle grate ampie. Per ottenerli, è necessaria una piastra rettangolare, la cui ampiezza ovviamente varia in base al modello.

Per quanto riguarda i waffle tondi, invece, essi vengono realizzati con piastra che, come puoi immaginare, hanno una forma rotonda. Le linee all’interno hanno diverse configurazioni, da semplici cerchi a quadrifogli, ma anche cuori, spicchi o petali. Cambia ovviamente anche la consistenza, che risulta più sottile, e quindi più croccante. La differenza sta nell’impasto, che contiene una quantità inferiore di ingredienti quali burro e farina.

Va precisato che non esiste una versione migliore dell’altra, poiché tutte le tipologie di waffle sono molto gustose ed ampiamente personalizzabili in base ai tuoi gusti. Sta quindi a te decidere quale tipologia di impasto preferisci non solo cucinare, ma anche realizzare in casa. Entrambe risultano comunque molto facili, e basterà seguire una delle tante ricette disponibili anche online gratuitamente. Puoi anche provare a mescolare le due ricette così da ottenere il tuo misto personalizzato, adatto ai gusti dei tuoi amici e della tua famiglia.

Se ami i waffle e vuoi comprare una piastra per farne in casa, è importante capire quali tipologie il mercato offra. Come abbiamo visto, è essenziale scegliere un modello adatto alle proprie esigenze e all’esperienza d’uso che si sta cercando.

Leggi anche: Come scegliere un rasoio elettrico?

Potrebbero interessarti anche...